Fornitura di acqua potabile a bordo!

Fornitura di acqua potabile a bordo!

L'acqua è importante, essenziale e vitale. Senza cibo si può sopravvivere qualche settimana, senza acqua qualche giorno al massimo. Ragione sufficiente, quindi, per dare all'acqua potabile a bordo la necessaria attenzione e per occuparsi del trattamento dell'acqua potabile sulle imbarcazioni. In questa guida troverai le risposte alle domande più importanti sulla fornitura di acqua potabile e acqua dolce a bordo.

Cosa bisogna considerare per la fornitura di acqua potabile sulle barche?

Anche se la maggior parte di noi sono skipper dilettanti che difficilmente si trovano nella situazione di dover dipendere realmente dalla fornitura d'acqua a bordo si dovrebbesempre avere acqua potabile fresca a bordo.È essenziale assicurarsi che i serbatoi d'acqua dolce vengano puliti regolarmente e che l'acqua dei serbatoi venga trattata in modo adeguato. Dovresti testare l'acqua potabile a intervalli regolari per assicurarti che l'acqua dolce a bordo sia di buona qualità.

A proposito: il termine „acqua dolce a bordo“ è semplicemente la definizione nautica di acqua potabile disponibile su barche e yacht.


Perché bisogna avere l'acqua a bordo?

Probabilmente è il caso di tutti: abbiamo bisogno di acqua per bere, per cucinare, per lavarci e anche per pulire.

A seconda delle dimensioni della barca e delle esigenze dello skipper e dell'equipaggio, si possono naturalmente utilizzare diverse qualità di acqua per diversi scopi: "Mi ricordo molto bene come marinaio di dinghy in Olanda che lavavo semplicemente i miei piatti e le posate fuori bordo nell'acqua del fiume, ignorando tutto quello che c'era nell'acqua in una vera e propria marina negli anni 90'.... D'altra parte, penso che siamo tutti d'accordo che l'acqua del fiume è perfettamente adeguata per la pulizia del ponte".

Trattata in modo adeguato

Quali sono le possibilità a bordo per essere riforniti di sufficiente acqua dolce?

Esistono tre modi fondamentali per portare l'acqua a bordo: acqua da una fonte esterna, acqua dai propri serbatoi e acqua in bottiglia.

Acqua da una fonte esterna: Naturalmente, si potrebbe anche avere l'idea di bere acqua piovana. Tuttavia, ciò non è un bene per il nostro organismo a lungo termine, perché l'acqua piovana manca di quasi tutti i sali e i minerali di cui il nostro corpo ha bisogno. Ha più senso lavorare con la depuratione dell'acqua. Puoi trovare informazioni e consigli per depurare l‘acqua nella guida qui sotto.

L'acqua in bottiglia è facile da gestire. Di solito si trova una data di scadenza sulle bottiglie che non dovrebbe essere superata, se possibile. Qualche bottiglia d'acqua a bordo non ha mai fatto male e, a seconda della zona, a volte è persino richiesta dalle assicurazioni. Come riserva invisibile nella stiva, l'acqua in bottiglia ha un effetto tranquillizzante sullo skipper e sull‘equipaggio. Tuttavia, sempre più diportisti si allontanano dall'acqua in bottiglia, almeno nelle "bottiglie di plastica". Speriamo che i tempi in cui le grandi quantità di piccole bottiglie e lattine venivano accumulate in mare siano presto finiti. La protezione dell'ambiente è finalmente "approdata" anche ai diportisti.

L'acqua nei serbatoi di acqua potabile è il perno dell'approvvigionamento idrico a bordo. Pratico, facile da maneggiare, comodo. È così che lo vogliamo, praticamente come a casa nostra. Se solo.... sì potesse, se solo fosse così semplice. L'acqua che esce da un rubinetto in casa è quasi sempre buona da bere. Ma cosa succede quando usiamo l'acqua che magari è stata conservata in un serbatoio per settimane? Non solo questo può rendere l'acqua dal sapore vecchio e stantio, ma può anche causare un fastidioso disturbo intestinale. Almeno se non abbiamo preso le dovute precauzioni.Si deve tener presente che le alghe si sviluppano rapidamente e che i batteri si moltiplicano nei tubi, che a loro volta non fanno bene.

Nei paesi esteri, la fornitura di acqua potabile da serbatoi di acqua potabile è spesso accompagnata da sfide completamente diverse. Prima di approvvigionarsi di acqua potabile da banchine o rubinetti in altri paesi, bisogna informarsi sulla qualità dell'acqua potabile locale. Soprattutto nei paesi del sud, è spesso aggiunto cloro all'acqua del rubinetto. Questo rende l'acqua a bordo imbevibile. Sulla homepage del Ministero degli Esteri o delle istituzioni omologhe nei rispettivi paesi, si possono spesso trovare informazioni su questo tema.

CONSIGLIO: I filtri a carbone o i filtri a carbone attivo possono essere facilmente "fissati" con un raccordo Gardena tra l'entrata dell'acqua nel serbatoio e il rubinetto dell'acqua sul pontile. In questo modo si può facilmente "filtrare" il fastidioso cloro dai tubi e riempire il serbatoio dell'acqua dolce senza preoccuparsi.

Come posso controllare da solo l'acqua potabile a bordo?

Per evitare spiacevoli sorprese, c'è un modo semplice e affidabile: i test dell'acqua potabile sono disponibili in molte forme e varianti. Per testare l'acqua potabile a bordo, i componenti chimici dell'acqua sono testati con strisce test o la qualità biologica è determinata da piastre test. Un tale risultato del test è di solito disponibile dopo pochi minuti e garantisce una sensazione di sicurezza quando si tratta di acqua potabile a bordo.

Quali opzioni di trattamento dell'acqua sono disponibili a bordo?

Per prevenire la contaminazione dell'acqua potabile a bordo ci sono 3 possibilità per disinfettare l'acqua potabile:

1 Bollire l'acqua potabile:

Questo è un metodo semplice e anche molto sicuro in cui si fa bollire la quantità di acqua desiderata a bordo per circa 10 minuti per uccidere qualsiasi batterio che può essere presente. Tuttavia, l'acqua dovrebbe anche essere filtrata.

2 Sterilizzare l'acqua potabile:

Il modo più comune è quello di aggiungere all'acqua, durante il processo di approvvigionamento, una quantità appropriata di sterilizzatore in polvere o in compresse. Tali agenti, come Aqua Clean, Mikropur o Mikrosept, assicurano che l'acqua nel serbatoio rimanga fresca fino a 6 mesi aggiungendo ioni d'argento. In modo diverso agiscono i prodotti degli stessi fornitori per la pulizia dei serbatoi d'acqua dolce. Di solito si ottiene un effetto migliore quando si puliscono i serbatoi d'acqua dolce attraverso l'uso di ossigeno attivo.

Tuttavia, gli agenti contenenti argento per la disinfezione dell'acqua devono essere trattati con cautela: l’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha raccomandato un limite di 0,05 mg di argento per chilogrammo di alimento. Tuttavia l‘OMS considera tollerabili e privi di rischi per la salute concentrazioni di argento fino a 0,1 mg/L. Per le nostre necessità, l'acqua disinfettata in questo modo è permessa, ma solo per questo scopo. Non siamo ufficialmente autorizzati ad aiutare i nostri vicini con l'acqua del nostro serbatoio.

Disinfettanti

3 Filtri per l'acqua sulle barche:

Le palline d'argento o le reti d'argento, che vengono aggiunte al serbatoio, funzionano secondo lo stesso principio degli agenti sterilizzanti contenenti argento. Qui, però, bisogna prestare molta attenzione alla coerenza tra le dimensioni del serbatoio e il rispettivo agente.

In aggiunta o in alternativa, si può usare un secondo rubinetto d'acqua nella cambusa, attraverso il quale scorre solo acqua filtrata. Una cartuccia filtrante con un filtro a carbone attivo sostituibile per l'acqua dolce viene poi collegata a monte, il che assicura per lo meno per una stagione che sostanze inquinanti e la maggior parte delle sostanze chimiche, come il cloro, i batteri e i germi vengano rimossi dall'acqua. Questi filtri per l'acqua dolce sono disponibili da parte di diversi marchi Whale, Yachticon o Atlas, per esempio. Possono essere facilmente inseriti nella rete idrica e non richiedono molto spazio. Un raccordo a T davanti al rubinetto della cucina, poi un filtro, seguito da un piccolo rubinetto dell'acqua potabile accanto al lavandino, una tale disposizione si adatta sotto quasi tutti i lavandini. Dai restanti rubinetti di bordo si può prendere l'acqua del serbatoio, che non viene utilizzata per bere. Come precauzione, anche qui dovrebbe essere aggiunto un agente disinfettante appropriato. Senza prodotti chimici, prima o poi l'acqua nel serbatoio diventerà imbevibile, anche per la doccia. Naturalmente, si può anche installare un filtro per l'acqua nella linea principale dell'acqua della barca, che poi filtrerebbe tutta l'acqua a bordo. Tuttavia, il filtro si consumerebbe molto più velocemente. La capacità di filtrazione di un filtro a carbone attivo è data in litri. Normalmente, è sufficiente una sostituzione annuale.

Quale acqua può essere trattata a bordo?

In generale, è possibile trattare l'acqua del rubinetto così come l'acqua salata o l'acqua salmastra (una miscela di acqua dolce e salata). Ci sono varie possibilità per questo:

Acqua tramite dissalatore:

produrre acqua potabile con un dissalatore è certamente il metodo più interessante per noi skipper. Nel nostro mondo immaginario, questa possibilità ci rende quasi autosufficienti, indipendenti dalle possibilità di rifornimento esterne e riforniti in ogni momento. Senza volerlo pubblicizzare: se non volete usare prodotti chimici per conservare l'acqua, non vi piace bere acqua stantia, non avete voglia di portarvi dietro delle bottiglie e viaggiate in tutto il mondo, allora un dissalatore, chiamato anche pompa di dissalazione, è semplicemente la soluzione a tutti i problemi. Un tale dissalatore per barche può, a seconda del design, trasformare quasi tutta l'acqua in acqua potabile. Più questo è difficile (acqua sporca), più velocemente i prefiltri devono essere rinnovati. A questo proposito, si dovrebbe scegliere un'acqua il più possibile pulita. Usare intenzionalmente acqua sporca sarebbe controproducente e quindi costoso.

Del resto, una pompa di desalinizzazione non è una cosa complicata: un dissalatore contiene un filtro a pori molto fini (membrana semipermeabile) attraverso il quale l'acqua da purificare viene forzata ad alta pressione da una pompa elettrica. L'acqua pulita, desalinizzata e pura si trova quindi dall'altra parte della membrana. L'acqua non contiene virus o batteri, a condizione che il dissalatore sia correttamente mantenuto e in buone condizioni. Per le piccole necessità ci sono pompe di desalinizzazione anche con pompa manuale e filtri molto piccoli. Tuttavia, questi sono per lo più destinati agli appassionati di trekking che hanno in spalla un carico leggero.

Anche se nel dissalatore non c'è quasi nessuna elettronica o tecnica soggetta a guasti, ci sono alcuni punti importanti che devono essere assolutamente osservati: dato che stiamo parlando di un filtro a pori molto, molto fini, il pericolo di "intasamento" è sempre presente. E proprio questa membrana a pori fini è il componente più importante, più sensibile e quindi anche il più costoso di un tale sistema.

Filtri per depuratori d'acqua potabile

una lunga serie di prefiltri riduce il rischio di intasare la membrana della pompa di desalinizzazione. A seconda del punto in cui è presente il dissalatore, sono possibili diverse configurazioni. Di solito, un dissalatore inizia con filtri grossolani a monte, gradualmente l'acqua viene filtrata con pori sempre più fini in vari stadi di filtraggio fino al filtro a carbone attivo e diventa così fisicamente sempre più pulita. Alla fine della catena, la cosiddetta "osmosi inversa" avviene sulla sottile membrana del dissalatore. Qui, solo il 20% circa dell'acqua in entrata diventa pura acqua potabile. Il resto è necessario per risciacquare la membrana e viene poi pompato di nuovo fuori bordo. I filtri dell'acqua potabile vengono poi cambiati circa una volta a stagione, o più spesso a seconda dell'uso.

I filtri per l'acqua potabile per le barche sono disponibili in tutte le dimensioni immaginabili. I filtri per l'acqua potabile per la nautica da diporto sono abbastanza gestibili per quanto riguarda le dimensioni e lo sforzo di installazione: sono grandi quanto una cassa d'acqua e possono essere installati e conservati con un po' di abilità e cura. La parte più complicata dell'installazione è l'apertura dello scafo, necessaria affinché l'acqua di mare possa essere aspirata e poi pulita dal filtro. Questo foro dovrebbe essere il più profondo possibile sotto la linea di galleggiamento. Se non sei sicuro di questo passaggio, dovresti affidarti a un cantiere navale.

Quali serbatoi d'acqua sono disponibili per l'acqua potabile a bordo?

All'inizio si trova il serbatoio: disponibile in plastica o in acciaio inossidabile, flessibile o rigido. Al giorno d'oggi, ogni serbatoio dichiarato come serbatoio d'acqua potabile deve essere inodore e insapore. I serbatoi di plastica flessibili sono eccellenti per l'uso dove lo spazio è limitato. Quando sono vuoti, si inseriscono attraverso un portello di manutenzione o in un box posteriore; quando sono pieni, si espandono per adattarsi alle esigenze. I serbatoi fissi sono più facili da gestire se hanno una porta d'ispezione accessibile. Sono facili da fissare e bloccare in modo che non comincino a muoversi avanti e indietro, in caso di mare mosso.

Acqua potabile

Dove devono essere montati i serbatoi dell'acqua potabile nella barca?

I serbatoi in acciaio inossidabile sono spesso già a bordo e parte integrante della struttura dello scafo. Durante l'installazione, bisogna prestare molta cura affinché le connessioni al serbatoio siano prive di sollecitazioni. Se una tale connessione si incrina o perde, le conseguenze sono incalcolabili e certamente non piacevoli. Come regola generale, i serbatoi d'acqua sono meglio montati nella zona del baricentro della barca in modo che non influenzino l'assetto della barca, indipendentemente dal livello di riempimento. I serbatoi d'acqua dovrebbero anche essere non trasparenti per evitare la formazione di alghe.

Come si puliscono i serbatoi d'acqua dolce a bordo?

I serbatoi d'acqua devono essere puliti! L'acqua tenuta in cattivo stato è patogena! Se facciamo il pieno di acqua fresca, non rimarrà fresca a lungo se ci sono residui di acqua "cattiva" nel serbatoio. Una pulizia regolare dei serbatoi di acqua potabile a bordo ha quindi senso. È sufficiente farlo una volta a stagione. Il modo migliore per farlo è meccanicamente attraverso un portello di manutenzione. Se questo non è possibile, ci sono anche alcuni detergenti chimici sul mercato che fanno un buon lavoro, come Water Tank Super Cleaner di Yachticon o Clean A Tank. Qui si mescola una soluzione acquosa che viene pompata attraverso serbatoi e tubi e che, dopo un certo tempo di permanenza, fa defluire le alghe e i residui dal circuito.

Cosa c'è da considerare per il serbatoio dell'acqua potabile prima del rimesaggio invernale della barca?

Prima di effettuare il rimessaggio invernale della barca, il sistema di acqua dolce deve essere completamente svuotato. Il gelo può portare allo scoppio di valvole e pompe. Questo perché l'acqua rimasta nel sistema si espande quando si trasforma in ghiaccio. L'unica cosa che può aiutare in questo caso è lo svuotamento completo di tutti i tubi, i serbatoi e le pompe o l'uso di antigelo nei serbatoi dell'acqua.

CONSIGLIO: L'aria compressa è un ottimo modo per far uscire davvero tutta l'acqua dai serbatoi e dalle tubazioni. Un piccolo compressore portatile fa un buon lavoro in questo senso. Un'alternativa allo svuotamento completo die tubi è quella di riempire il sistema con antigelo per acqua potabile, che viene pompato attraverso il serbatoio o direttamente dalla tanica attraverso i tubi fino ad uscire dai rubinetti.

Pompe per acqua dolce a bordo

Ogni volta che c'è anche solo un rubinetto d'acqua o una doccia a bordo, è necessaria una pompa per trasportare l'acqua dal serbatoio ad esso. Quando si parla di pompe per acqua potabile, solo raramente si tratta di pompe sommerse nel serbatoio. Oggi si usano principalmente i cosiddetti sistemi di acqua pressurizzata a 12 o 24 volt, che funzionano per mezzo di una pompa elettrica ad acqua pressurizzata. Noti produttori che offrono le pompe pressurizzate sono Shurflow, Jabsco, Matro, Flojet o Johnson. Queste pompano l'acqua dal serbatoio dell'acqua potabile nel sistema di bordo. Quando poi si apre una valvola o un rubinetto, la pressione fa sì che l'acqua scorra. La pompa registra quindi il calo di pressione e pompa nuova acqua dal serbatoio nel circuito fino al ripristino della pressione desiderata. Dopo aver chiuso il rubinetto, la pompa dell'acqua in pressione funziona quindi per un breve periodo. In questo modo abbiamo lo stesso "comfort di apertura del rubinetto dell‘acqua" a bordo come a casa. Nel dimensionamento della pompa dell'acqua a pressione, si deve tener conto del numero di rubinetti. Più rubinetti si vogliono alimentare a bordo, più alta dovrebbe essere la portata della pompa dell'acqua dolce. A casa siamo abituati a circa dodici litri al minuto. Se si desidera usare più rubinetti contemporaneamente, la portata richiesta aumenta di conseguenza.

Attacchi per tubi flessibili per sistemi d'acqua dolce

Quando si installa la rete idrica a bordo, assicurarsi di evitare i tubi da giardino o gli adattatori a spina. Ci sono tubi di acqua potabile testati che, grazie alla loro struttura, non danno alcuna possibilità ai microbi e alle alghe di proliferare. Questi tubi sono di solito di colore blu per l'acqua fredda e rosso per l'acqua calda, non contengono plastificanti e sono inodore e insapore. Tubazioni fisse con connettori intelligenti sono preferibili per le barche più grandi, tali sistemi sono disponibili da Whale ad esempio. I tubi delle acque nere sono di solito bianchi e hanno anche uno strato barriera contro gli odori per il trattamento delle acque reflue e dei WC. Fondamentalmente, per l'installazione di un tubo a bordo vale la stessa regola che per una casa: è necessario fare attenzione, dopo tutto, abbiamo a che fare con il più importante di tutti gli alimenti.