lang-it
Deutsch
English
Nederlands
Français
Español
Supporto tecnico: +39 0694806238

Carrello

Caricabatterie e rigeneratori

Oggigiorno, a causa dei maggiori consumi energetici delle moderne utenze di bordo, è divenuto necessario porre la giusta attenzione ai sistemi di produzione energetica.
 
Durante l'utilizzo del riscaldamento, di un laptop, di un frigorifero o della tv, alla fine non rimane molto della carica elettrica di 20Ampere e la batteria verrà caricata appena. Per questo la potenza del caricabatterie deve essere intorno al 20-25% della capacità della batteria. "Più ce n'è, meglio è!" - l'efficienza delle batterie installate fornisce maggiore sicurezza e autonomia.
 
Caricare le batterie professionalmente.
In porti e marina con cavi di alimentazione molto lunghi e in cui molti utenti sono connessi  contemporaneamente, si è osservato che, di solito, la tensione che arriva alle barche in testa ai pontili è di soli 200 Volt. Se in questo caso il caricabatterie sfruttasse tecnologia convenzionale, la corrente di carica potrebbe cadere e la ricarica della batteria di conseguenza potrebbe essere compromessa. Al contrario, in caso di sovratensione si rischierebbe che la tensione di carica superi i 14,4 o i 14,8 Volts, il che potrebbe danneggiare le batterie. Introdotti negli ultimi anni, i regolatori di carica nascono per controllare tempi di ricarica e voltaggio, sono equipaggiati con tecnologia di ricarica IUoUo e garantiscono il 100 % di carica delle batterie. Diversamente dai caricatori normali da 230 Volts, sono in grado di fornire una corrente di carica precisamente regolata e controllata.
 
Nel design delle batterie (AGM, gel, piombo), in molti casi la carica finale e la durata della compensazione possono essere regolate oppure il caricatore le può calcolare automaticamente. Importante è anche il monitoraggio della temperatura della batteria, un accorgimento in grado di proteggere la batteria da una carica eccessiva e da perdite d'acido. Quando si sceglie un caricatore tenere conto di alcuni accorgimenti. Non comprare un caricatore che sia troppo debole per la vostra batteria. Per avere una carica veloce infatti (in particolare per batterie AGM o a gel) la corrente di carica dovrebbe essere circa il 30 % della capacità della batteria. Per esempio: per un gruppo di batterie da 200 Ampere è consigliabile scegliere un caricatore da 60 Ampere. Troppo spesso quando si è in porto si dimentica l'alimentazione a 12 Volt. A bordo si ha un fabbisogno energetico costante di almeno 100-200 Watts che sono 10-20 Ampere che il caricabatterie deve fornire e che dovrebbero andare a ricaricare le vostre batterie di bordo. Per l'acquisto del caricatore occorre assolutamente tenere in considerazione il consumo costante di 12 Volts.
 
 
Caratteristiche da considerare per l'acquisto di un alternatore di ricambio
  1. Costruzione robusta. Gli alternatori marini lavorano di solito sotto carichi molto elevati. Per raggiungere una lunga aspettativa di vita devono essere dotati di grasso per alte temperature, grandi prese per l'aria di raffreddamento, cuscinetti molto resistenti e diodi da alta corrente.
  2. Prestazioni elevate. L'energia erogata dovrebbe essere tra il 25 % ed il 40 % della capacità totale delle batterie.
  3. Forma. La maggior parte degli alternatori di ricambio sono disponibili in quattro diversi modelli determinati per: larghezza (B), numero e spaziature (C) del fermo sul fondo. Con dei distanziali si possono compensare gli scostamenti.
  4. Pulegge. Gli alternatori da carichi elevati richiedono cinghie di trasmissione di diverse larghezze in base alla loro potenza. Fino a 70A da 3/8'' (10 mm) ed a 100A da 1/2'' (13mm). Negli alimentatori da 100A si raccomanda di installare una cinghia doppia.

SVB utilizza cookies per garantirLe un acquisto facile e sicuro. Per saperne di più...  Ok