lang-it
Deutsch
English
Nederlands
Français
Español
Supporto tecnico: +39 0694806238

Carrello

Menu
Sapere sempre cosa c'è sotto
Come installare correttamente trasduttori passanti e interni

Quando si acquista un nuovo display multifunzione o altri strumenti, questi dispositivi sono solitamente consegnati senza trasduttore. Questo perché il mondo dei trasduttore è molto vasto e i modelli disponibili si differenziano per tipo di materiale di costruzione, frequenza e tecnologia utilizzata. Quale trasduttore è quello adatto per la vostra imbarcazione?

Trasduttore passante o di poppa oppure ecoscandaglio per installazione interna? In questa guida sono descritti i vari tipi di ecoscandaglio, i vantaggi e gli svantaggi e i metodi di installazione.

Cosa è un ecoscandaglio?


Un ecoscandaglio può essere considerato il cuore di un fishfinder e di un display multifunzione. Il trasduttore emette onde sonore che riceve indietro sotto forma di eco: in questo modo è possibile interpretare il tipo di superficie sottostante e la profondità dell'acqua considerando il tempo tra l'emissione dell'impulso e l'arrivo dell'eco riflesso dal fondo dell'acqua.

Quale materiale dovrei scegliere?


I trasduttori sono disponibili in vari materiali. Non è possibile dire quale sia il materiale migliore in assoluto. Questo dipende dal materiale dello scafo.

Plastica
I trasduttori di plastica sono adatti per scafi in vetroresina o metallo. In nessun caso è consigliato un trasduttore di plastica per scafi in legno. Il legno si altera e può danneggiare la plastica, causando una falla.

Acciaio (inox)
I trasduttori di acciaio (inossidabile) sono particolarmente adatti per gli scafi in alluminio per prevenire la corrosione elettrica. Per l'installazione su uno scafo in metallo è necessario un fairing block isolante. I trasduttori di acciaio non sono adatti per imbarcazioni con massa positiva.

Bronzo
I trasduttori di bronzo sono adatti per scafi in legno o vetroresina. Tuttavia, non dovrebbero mai essere utilizzati per gli scafi in alluminio. Alluminio e bronzo assieme, specialmente in acqua salata, non sono compatibili. I materiali si attaccano a vicenda e si corrodono.


Diversi tipi di trasduttori


Esistono diversi tipi di trasduttori, con diverse opzioni di montaggio. Di seguito vi presentiamo i trasduttori passanti, di poppa e per installazione interna con i loro rispettivi vantaggi e svantaggi e le istruzioni per l'installazione.

Trasduttori passanti
Un trasduttore passante offre alte prestazioni anche ad alte velocità. Deve essere montato parallelo il più possibile alla superficie dell'acqua e avere un'inclinazione massima di 5-10 gradi, altrimenti la profondità non può essere misurata correttamente.

Per garantire ciò, può essere necessario utilizzare un fairing block per l'installazione, ad esempio su un lato di uno scafo a V. In alternativa, sono disponibili trasduttori con angolo di inclinazione integrato, ad esempio 12 o 20 gradi. Di conseguenza, il cono del trasduttore è allineato direttamente col fondale e può ricevere un eco più forte e fornire dati di profondità più accurati.

MONTAGGIO
Scelta del punto di installazione adatto
Per montare correttamente il trasduttore è necessario selezionare con cura il punto preciso di montaggio. Ciò dipende molto dal tipo di barca. Indipendentemente però dal tipo di barca, tuttavia, è necessario osservare i seguenti punti:

-Non installare il trasduttore in aree con passascafi, raccolte d‘acqua, bordi di sentina, valvole a mare esterne, anodi sacrificali, trasduttori log, vicino a chiglie, eliche o sistemi di alberi di elica. In questi punti c'è il pericolo di turbolenze che possono falsificare il risultato di misura.
-Per imbarcazioni con rimorchio, la posizione di montaggio deve essere scelta in modo che il trasduttore non venga danneggiato durante il lavoro con la gru o il trasporto del rimorchio. Il trasduttore non deve essere installato in prossimità di appoggi, rulli per chiglia o altri componenti del rimorchio.
- Per l'installazione, selezionare un luogo in cui il trasduttore non venga disturbato da interferenze provenienti da altre fonti di alimentazione e di radiazione, quali ecoscandagli, punti di accensione, alternatori o motori. Minore è il livello di rumore di sottofondo, maggiore sono le prestazioni dell'ecoscandaglio, con conseguente maggiore precisione di visualizzazione.
- Scegliere un punto facilmente accessibile all'interno dello scafo con spazio sufficiente per l'altezza dell'asse del trasduttore e per il serraggio del dado.

La seguente illustrazione fornisce una panoramica della posizione ottimale per il montaggio dei sensori sui vari tipi di imbarcazione. La posizione di installazione consigliata è contrassegnata in rosso:

Per le barche a motore, la posizione dell'ecoscandaglio deve essere all'inizio dell'ultimo terzo dello scafo. Si dovrebbe trovare un punto vicino alla linea di metà barca e nella zona della prima traversa, preferibilmente direttamente davanti al vano motore.

Installazione
Con questo metodo di montaggio, l'imbarcazione deve essere a terra per l'installazione dell‘ecoscandaglio. Non installare mai un trasduttore passante mentre l'imbarcazione è ancora in acqua!

1. Una volta determinata la posizione corretta per l'installazione del sensore, praticare un foro di prova di circa 6 mm perpendicolare alla linea di galleggiamento.

2. Se si è soddisfatti della posizione del foro di prova, praticarne uno sufficientemente grande per il diametro del trasduttore dall'esterno dello scafo. Assicurarsi che il foro sia perpendicolare alla linea di galleggiamento.

Suggerimento: contrassegnare il foro sullo scafo impostando prima la punta del trapano in senso antiorario. Questo evita di rovinare il gelcoat.

3. Rimuovere le vecchie antivegetative e i primer dalla zona intorno al foro. 2. Carteggiare l'area fino allo scafo e pulirlo dall'interno e dall'esterno in modo che il sigillante aderisca allo scafo.

4. Fare passare il trasduttore attraverso il foro dall'esterno per assicurarsi che tutto sia corretto prima di incollarlo. Il trasduttore deve essere perpendicolare alla superficie dell'acqua per essere in grado di inviare il suo segnale con un angolo retto verso il basso. Solo in questo modo è possibile ottenere un risultato di misura corretto (vedere figura). Il trasduttore e il dado sono dunque possibilmente inclinati rispetto allo scafo. Ció deve essere sempre compensato da un „legno morto“ o da un altro fairing block per evitare di inclinare il dado nello scafo.

Installato erroneamente

Installato correttamente

5. Rivestire generosamente sia lo scafo che il trasduttore (compreso il filetto) con composto sigillante per fissare il trasduttore all'imbarcazione. Inserire quindi il sensore dall'esterno e avvitarlo saldamente. Fare attenzione a non stringere eccessivamente il dado. Poiché sono spesso costituiti solo da plastica, possono facilmente storcersi, consentendo all'acqua di penetrare nello scafo in un secondo momento.

6. Controllare che all'interno e all'esterno dell'apparecchio sia uscita una quantità sufficiente di sigillante. Questo è un segno che il trasduttore è ben incollato!

Suggerimento: Per evitare di dover rimuovere faticosamente il composto sigillante in eccesso dallo scafo, è possibile incollare del nastro crespato allo scafo e rimuovere la forma della testa del trasduttore prima di inserire il trasduttore. Dopo aver fissato il sensore con il composto sigillanteè possibile rimuovere il nastro adesivo insieme al composto sigillante.

7. Lasciare asciugare il sigillante.

8. Accertarsi che i cavi siano posati correttamente, ad esempio attraverso tubi di protezione nella zona della chiglia o lungo il pavimento. Non accorciare o scollegare mai il cavo senza previa consultazione! Ciò può danneggiare il trasduttore o causare perdite di qualità.

9. Controllare che la zona intorno al sensore non presenti perdite subito dopo che l'imbarcazione è stata messa in acqua! Si noti che piccole perdite potrebbero non essere immediatamente visibili. Non lasciare l'imbarcazione in acqua per più di tre ore senza averne verificato lo stato! Le perdite possono essere tappate temporaneamente con un tappo cieco. Tuttavia, si dovrebbe tirare l'imbarcazione di nuovo fuori dall'acqua il più presto possibile. A terra, rimuovere il trasduttore e verificare che il dado e l‘alloggiamento siano ancora in buone condizioni prima di ricominciare dal punto 3 per l'installazione.

Trasduttori di poppa
Questo tipo di trasduttore è probabilmente il più comunemente usato. I trasduttori di poppa sono facilmente fissati all'esterno della poppa dell'imbarcazione mediante una staffa. Possono essere utilizzati su scafi in legno, vetroresina, alluminio o acciaio. Il vantaggio di questo trasduttore è che è più facile da installare rispetto a un trasduttore passante. Il trasduttore può essere regolato anche in un secondo tempo. Un cursore posteriore regolabile offre diverse opzioni di regolazione. A seconda dell'installazione, il trasduttore di poppa si ripiega verso l'alto quando si fa scivolare l'imbarcazione o quando si entra a contatto con residui galleggianti. Non sussiste quindi alcun rischio di danni. Con questo metodo di montaggio, è importante che il trasduttore sia montato il più orizzontale possibile e che sia sempre immerso in acqua. Su alcune barche a vela, una parte della poppa si alza dall'acqua quando si gira. Un trasduttore di poppa non è adatto per queste imbarcazioni.

MONTAGGIO
Scelta del punto di installazione adatto
Una posizione idonea deve soddisfare le seguenti condizioni:

-Il punto è sempre sott'acqua
-Possibilità di montaggio orizzontale
-La posizione di montaggio non si trova dietro l'elica, in quanto ciò può interferire con il trasmettitore dell'ecoscandaglio. Solitamente i trasduttori di poppa sono montati sul lato destro, in quanto le pale dell'elica su questo lato si muovono normalmente verso il basso. La distanza dal raggio di sterzata dell'elica deve essere di almeno 75 mm.
-Alle alte velocità, il trasduttore non viene disturbato dalle bolle d'aria di qualsiasi turbolenza.
-Il sensore si trova leggermente più in basso del bordo inferiore dello scafo, in modo da fluire uniformemente. In casi eccezionali, l'installazione può essere leggermente più alta per proteggere il trasduttore da pezzi galleggianti.

Se non è possibile soddisfare questi requisiti, selezionare un altro trasduttore.

Installazione
1. Segnare i fori per il supporto dell‘ecoscandaglio e praticare i fori nei punti appropriati

2. Inserire le viti e fissarle ulteriormente con un sigillante marino

3. Inserire il trasduttore nella staffa e allinearlo

4. Praticare un foro nello scafo, se possibile al di sopra della linea di galleggiamento, per guidare i cavi all'interno della barca.

5. Inserire il cavo del trasduttore con la spina attraverso il foro e poi sigillarlo con un sigillante marino. Se necessario, è possibile montare anche un passacavi Scanstrut per maggiore sicurezza.

Assicurarsi che i cavi siano posati correttamente, ad esempio attraverso tubi protettivi nella zona della chiglia o lungo il pavimento. Non accorciare o scollegare mai il cavo senza previa consultazione! Ciò può danneggiare il trasduttore o causare perdite di qualità.

Trasduttori per installazione interna
Questo tipo di trasduttore non richiede la foratura dello scafo. Il trasduttore viene semplicemente incollato all'interno dello scafo (con silicone o resina epossidica) e il segnale viene inviato attraverso lo scafo. Questo metodo di installazione è possibile solo con barche in vetroresina, in quanto le proprietà della vetroresina in relazione alle onde ultrasoniche sono simili a quelle dell'acqua. Il grande vantaggio dei sensori interni è che lo scafo non viene danneggiato e l'installazione può avvenire quando l'imbarcazione è in acqua. Inoltre, il sensore è protetto in modo ottimale contro la vegetazione e i danni causati da pietre o residui galleggianti. Un trasduttore entrobordo è una buona scelta per rimorchi, imbarcazioni con scafo a gradini e altri tipi di scafo ad alte prestazioni, in quanto il trasduttore non crea alcuna resistenza all'acqua o potenziale di incrostazioni. L'unico svantaggio di questo tipo di ecoscandaglio è che le sue prestazioni sono inferiori a causa della trasmissione attraverso lo scafo. La profondità massima misurabile, ad esempio, è inferiore a quella misurata con un trasduttore di poppa. Un altro punto da notare è che non c'è un sensore interno con sensore di temperatura integrato.

MONTAGGIO
Scelta del punto di installazione adatto
La posizione migliore per l'installazione varia a seconda del tipo di imbarcazione. La figura che segue mostra in grigio i nostri suggerimenti.

Indipendentemente dal tipo di imbarcazione, il sensore deve essere installato il più verticale possibile. Deve avere un'inclinazione massima di 5°-10° per non alterare il risultato della misurazione. Nel caso di barche a vela, va anche notato che il cono dell‘ecoscandaglio deve essere in grado di irradiare liberamente dalla chiglia. Con uno scafo in vetroresina solida, assicurarsi che il laminato non presenti bolle d'aria o inclusioni metalliche.

Per trovare il punto di installazione adatto all'interno, si consiglia la seguente procedura:
1. Riempire d'acqua un sacchetto di plastica

2. Inserire il trasduttore e chiudere il sacchetto

3. Collocare il sacchetto in diversi punti dello scafo per trovare il luogo più adatto per installare il trasduttore. Collegare il display e osservarlo a diverse profondità dell'acqua.

Installazione
Prima di montare il trasduttore, controllare che l'imbarcazione sia dotata di uno scafo in vetroresina rigido o di un cosiddetto scafo a sandwich, ovvero di uno scafo in vetroresina che contiene un‘imbottitura in schiuma o compensato. Nel secondo caso, per installare un trasduttore per interno, è necessario prima trovare una posizione in cui non vi sia alcun riempimento o rimuovere il nocciolo dalla posizione desiderata prima di installare il trasduttore come segue:

1. Pulire lo scafo dalla vernice e dallo sporco nel punto di installazione desiderato e levigare sia lo scafo che il trasduttore con carta abrasiva.

2. Mescolare l'adesivo epossidico secondo le istruzioni del produttore.

3. Applicare abbondantemente l'adesivo (o il silicone) sullo scafo e sul trasduttore. Assicurarsi che non vi siano bolle d'aria.

4. Fissare il trasduttore allo scafo il più verticale possibile.

5. Stendere l'adesivo intorno al trasduttore per circa 1 cm di spessore, a seconda della consistenza.

6. Lasciare asciugare l'installazione.

7. Accertarsi che i cavi siano posati correttamente, ad esempio attraverso tubi di protezione nella zona della chiglia o lungo il pavimento. Non accorciare o scollegare mai il cavo senza previa consultazione! Ciò può danneggiare il trasduttore o causare perdite di qualità.


Tecnologie sonar


Oltre ai diversi tipi di trasduttori, in termini di installazione ci sono anche diverse tecnologie per ogni tipo di installazione stessa, attraverso le quali in alcuni casi la qualità e il tipo di visualizzazione può variare notevolmente.

Sonar tradizionale
Il sonar tradizionale funziona a frequenze fisse. Solitamente si tratta di 50 kHz e 200 kHz. Minore è la frequenza, più piccolo sarà il cono di emissione e più profondo sarà il valore di misura. Al contrario, più alta è la frequenza, più grande sarà il cono di emissione e più bassa sarà la misurazione. La risoluzione è più alta alle alte frequenze che alle basse frequenze. Alle velocità più elevate si raccomanda di scegliere la frequenza più alta. Per una profondità dell'acqua fino a 60 metri si consiglia una frequenza di 200 kHz. Si consiglia una frequenza di 50 kHz o 80 kHz a partire da una profondità di 60 metri. Gli ecoscandagli a doppia frequenza combinano le basse e le alte frequenze, offrendo ivantaggi di entrambi i sistemi.

Scanning Sonar ad alta frequenza
I dispositivi sonar di scansione ad alta frequenza come Garmin Down Vü e Lowrance StructureScan HD consentono di eseguire la scansione di un'area a una frequenza molto elevata e quindi di produrre immagini simili alle foto. È possibile scegliere tra 455 kHz per aree più grandi e 800 kHz per aree più piccole e una risoluzione maggiore. Raymarine CHIRP SideVision™, Garmin SideVü e Lowrance StructureScan HD consentono di ricevere immagini a sinistra o a destra dell'imbarcazione e non solamente sotto.

Ecoscandaglio ForwardScan
Un ecoscandaglio con tecnologia ForwardScan consente di visualizzare il fondale davanti all'imbarcazione come un'immagine sonar 2D. Questa tecnologia è molto utile quando si cerca un posto adatto per ancorare e per non arenarsi.

Sonar CHIRP
Il CHIRP Sonar è il più moderno sistema di ecoscandaglio. A differenza dei sonar tradizionali, la tecnologia CHIRP Sonar non funziona a frequenze fisse, ma varia in modo permanente in un'ampia gamma di frequenze. L'energia emessa dal sonar CHIRP è fino a cento volte superiore a quella di un sonar tradizionale, con conseguente maggiore riflessione energetica del target.

Grazie alla maggiore riflessione energetica del target, il CHIRP Sonar offre un notevole miglioramento in termini di risoluzione e precisione a profondità maggiori.

Inoltre, un sonar CHIRP offre il vantaggio di una migliore identificazione dei target, in quanto trasmette su più frequenze diverse invece che su una singola frequenza. Ad esempio, è persino possibile distinguere tra pesci vicini o sovrapposti. Inoltre, gli organismi si distinguono più facilmente dagli oggetti subacquei.

I dispositivi sonar CHIRP sono molto meno sensibili alle interferenze. Il sistema CHIRP crea un proprio campo di frequenza per la ricezione degli echi. Questo permette al sistema CHIRP di distinguere tra echi sonar veri e propri e disturbi. Inoltre, questa tecnologia ha una migliore separazione dell'eco, che rende più facile per esempio distinguere il pesce dalla struttura circostante.

Low CHIRP 25-80 kHz o 50 kHz
Minore è la frequenza, minore sarà l'assorbimento del segnale. Ciò consente al segnale di percorrere distanze maggiori prima che diventi troppo debole. L'angolo del fascio è ampio e l'impulso in uscita può diffondersi bene e coprire una vasta area. Una bassa frequenza è adatta per la misurazione di profondità dell'acqua superiori a 60 metri. La risoluzione, la selettività e la suscettibilità alle interferenze sono inferiori con questi encoder rispetto alle alte frequenze.

Medium CHIRP 80-160kHz o 83 kHz
Questa banda di frequenza è ideale per rilevare i pesci in acque poco profonde.

High CHIRP 160-800 kHz o 200 kHz
Questa frequenza offre una risoluzione più alta, anche ad alta velocità, e permette di distinguere facilmente tra pesci e oggetti. Tuttavia, va notato che la profondità della misurazione diminuisce con l'aumentare della frequenza. Questa gamma di frequenza è consigliata solo per profondità dell'acqua fino a 60 metri.

455 kHz
Visualizza la struttura del fondale in dettaglio con un ampio angolo di visualizzazione.

800 kHz
Mostra un'immagine quasi fotorealistica del fondo con un ampio angolo di visualizzazione e una profondità ridotta.

Frequenze


Gli ecoscandagli possono funzionare a frequenze diverse. La frequenza di un trasduttore determina la precisione con cui vengono rappresentati il fondale e altri oggetti. Ma non tutti gli ecoscandagli supportano tutte le frequenze. È pertanto essenziale verificare quale frequenza sia adatta all'utente e sia supportata dal dispositivo di visualizzazione prima dell'acquisto. Di seguito una breve panoramica delle diverse frequenze e dei rispettivi vantaggi:

Altri punti da considerare prima di acquistare un ecoscandaglio


Oltre ai punti già menzionati, si dovrebbe considerare quali dati si desidera ricevere dall‘ecoscandaglio. È sufficiente la profondità o avete bisogno anche di informazioni sulla velocità o la temperatura? Esistono ecoscandagli multifunzione che combinano tutte queste specifiche.

Anche le prestazioni dei singoli trasduttori differiscono. La forza con la quale il traduttore invia il segnale (ping) è specificato in watt RMS (root mean square, valore efficace). Maggiore è la potenza, maggiore è il valore RMS in Watt, migliore è la possibilità di trasmettere il segnale anche in acque profonde o sporche e maggiori sono i dettagli visualizzati.

SVB utilizza cookies per garantirLe un acquisto facile e sicuro. Per saperne di più...  Ok